Chiese S. Floriano e S. Andrea

 

La Chiesa di S. Floriano sorge a monte a sud-est del paese. Nulla rimane della chiesa medievale, documentata a partire dal 1189, che fu interamente ricostruita nelle forme odierne da maestranze comacine dirette da Albertino Comanedi tra il 1509 e il 1514.

Pianta

Pianta rettangolare ad asse maggiore longitudinale. Presbiterio rettangolare, concluso da abside poligonale.

Facciata

Facciata a due spioventi, compresa tra pilastri angolari realizzati in blocchi di granito, al centro della quale si dispongono le aperture sovrapposte del portale architravato, sormontato da una lunetta affrescata, e da una finestra a luce sagomata. Una cornice ad archetti pensili incrociati segue il profilo degli spioventi del tetto.

Prospetti

Fiancate ornate in alto da una cornice ad archetti pensili incrociati da contrafforti in granito, tra i quali inseriscono le aperture sagomate delle finestre (una per campata).

Campanile

Torre a pianta quadrangolare addossata alla fiancata sinistra della chiesa, in corrispondenza della quarta campata. Fusto interamente rivestito in blocchi di granito, segnato da feritoie, recante alla sommità due mostre di orologio. Cella campanaria illuminata da quattro bifore centinate, sormontate da un oculo circolare e inquadrate da arcate a tutto sesto.

Struttura

Strutture portanti verticali: murature in pietrame, finite a intonaco con stillature. Strutture di orizzontamento: volte a botte unghiata sovrastano navata e presbiterio; abside coperta da volta a spicchi.

Coperture

Chiesa: tetto a doppia falda con struttura in legno e ricoperto da tegole.

Campanile: tettuccio a quattro falde, rivestito anch’esso da tegole.

Interni

Navata unica, ritmata da coppie di semi pilastri coronati da capitelli corinzi, legati tra loro da arcate a pieno centro che definiscono lo spazio di quattro campate. Presbiterio rialzato su due gradini.

Pavimenti e pavimentazioni

La navata presenta una pavimentazione in lastre di granito; nel presbiterio è posata una pavimentazione in mattonelle di marmo e pietra calcarea policroma, componenti lo stemma del Comune di Storo.

Elementi decorativi

Stucchi modellati e dorati adornano le volte e le cornici di finestra.

 

 

 

 

La chiesa cimiteriale di Sant’Andrea sorge poco distante dalla parrocchiale, con orientamento a sud.

Una prima cappella di fondazione medievale fu ampliata nel corso della prima metà del XV secolo e quindi ulteriormente modificata tra XVII e XVIII secolo con il prolungamento della navata e la costruzione dell’attuale presbiterio (1780-1781).

Pianta

Pianta rettangolare ad asse maggiore longitudinale; presbiterio rettangolare, privo di abside.

Facciata

Facciata a due spioventi, profilati da cornici, occupata al centro dalle aperture sovrapposte del portale architravato e di una finestra rettangolare.

Prospetti

Fiancata sinistra cieca. Lato destro ritmato dalle aperture lunettate delle finestre, poste in corrispondenza delle campate interne; al centro è presente un accesso secondario con portale architravato. Presbiterio illuminato da due finestre poste sul lato destro e affiancato sul medesimo lato dalla sacrestia e dalla cappella mortuaria.

Campanile

Torre a pianta quadrangolare. Fusto interamente rivestito in pietra a vista e segnato da feritoie; cella campanaria compresa tra cornici eminenti.

Struttura

Strutture portanti verticali: murature in pietrame, intonacate e tinteggiate.

Strutture di orizzontamento: navata coperta da volte a crociera; presbiterio sormontato da cupola ovale; coro voltato a vela.

Coperture

Chiesa: tetto a doppia falda, con struttura in legno e ricoperto da tegole.

Campanile: tettuccio a quattro falde, rivestito da tegole.

Interni

Navata unica, ritmata da coppie di pilastri intonacati e coronati da capitelli ionici, che individuano tre campate; la parete destra della seconda e terza campata presenta una finitura a raso sasso.

Pavimenti e pavimentazioni

Pavimento in mattonelle di cotto, comune alla navata e al presbiterio.

Elementi decorativi

Alcuni brani affrescati sono riemersi lungo il lato destro della seconda e terza campata. Finte finestre sono dipinte a tempera.

 

 

 

Chiese S. Floriano e S. Andrea