Percorsi Grande Guerra Boniprati

Cima Pissola, occupata dalle truppe italiane nei primi giorni di guerra, si presenta ancora oggi ricca di segni e postazioni. L’escursione porta a muoversi in ambiente di alta montagna e a scoprire numerose tracce di camminamenti, baracche, osservatori, trincee, postazioni per l’artiglieria.
L’area è stata interessata negli anni scorsi da un ambizioso progetto di valorizzazione e ripristino di opere militari promosso dal comune di Castel Condino. I lavori hanno interessato tre aree distinte: le postazioni poste nelle immediate vicinanze del paese; la zona del monte Melino (1420 m), raggiungibile a piedi direttamente dal paese (600 m di dislivello) o dalla località Boniprati (meno di 300 m); il crinale delle montagne che da Cima Pissola giungono alla Sella di Bondolo.
La base di partenza è malga Table (1616 m), raggiungibile su strada asfaltata dal paese di Castel Condino e passando per la località di “Boniprati”. Nei pressi della malga un pannello di legno illustra le escursioni effettuabili in zona, con tempi di percorrenza e siti di interesse storico.
Per raggiungere cima Pissola (2062 m) proponiamo di incamminarsi su strada sterrata in direzione della Malga Pissola (segnavia n 251): dopo circa 10-15 minuti di cammino, si prende un sentiero che s’inerpica piuttosto ripido nel bosco (sempre segnavia n 251, cresta sud-ovest Cima Pissola). Si guadagna la cima in 45 minuti di faticosa marcia: la quota della cima, seppur modesta, offre una vista davvero incantevole. Accanto alla croce di vetta, è stato posto un osservatorio in acciaio corten che consente di identificare i punti della linea nemica: a nord, al di là della valle di Daone, il “Doss dei Morti”; Re di Castello, il ghiacciaio dell’Adamello, la cresta di sud-est del Carè Alto, il gruppo di Brenta, il vicino monte Cadria, la catena del Baldo e le montagne del Trentino meridionale.
Nei pressi della cima sono riconoscibili vari ordini e linee di trincee, una postazione in cemento per artiglieria antiaerea; poco sotto la cima ci sono tre grotte scavate nella roccia con punti di osservazione e feritoie per mitragliatrici.

Percorsi Grande Guerra Boniprati